//
stai leggendo...
Inclinations, Status, Uncategorized

Narcos, o della politica dell’equilibrio

p11993086_b_h10_ab“La Storia è il più grande degli spoiler (=l’informazione che svela il finale, dall’inglese to spoil, guastare, rovinare) scriveva la Netflix, nota azienda di distribuzione di serie tv e film online, per anticipare l’uscita della seconda stagione di Narcos. La serie, infatti, ricostruisce abbastanza fedelmente – romanzando al punto giusto – la vita del narcotrafficante più famoso del mondo, Pablo Escobar, e gli sforzi congiunti di Colombia, Stati Uniti e rivali del Patron per la sua cattura. Non è quindi un mistero come andrà a finire.

Le presunte, ma tutt’altro che improbabili, intese tra forze internazionali e narcotrafficanti ostili a Pablo furono ipotizzate dallo scrittore americano Mark Bowden nel libro Killing Pablo, ma andiamo con ordine. Nel 1986 il giocatore di basket Len Bias morì per overdose di cocaina, assunta per festeggiare il suo passaggio al professionismo, per la precisione ai Boston Celtics. L’amministrazione Reagan decise un forte giro di vite per contrastare il narcotraffico e chiese l’estradizione per chi introduceva droga negli Stati Uniti. In particolare, ovviamente, Pablo Escobar, che a quel punto cercò di intraprendere la carriera politica, puntando all’immunità che gli sarebbe derivata. Il piano fallì per motivi di immagine, era troppo anche per i governi corrotti dell’epoca avere Escobar in Parlamento, allora fu guerra fra lo Stato e lo Stato nello Stato gestito da Pablo.

_35

Medellin era tutta (o quasi) dalla parte di Escobar, i poveri (quindi la maggioranza) perché avevano trovato l’unica persona che costruisse loro case e strutture, qualche ricco perché comprato e quindi reso ancora più ricco. Ma la Storia, che è il più grande degli spoiler, insegna che ogni impero arriva al declino. E quando i rivali di Pablo fiutarono l’andazzo, capirono che si sarebbero dovuti alleare per colpirlo. Si raggrupparono nell’organizzazione Los Pepes, acronimo che sta per Perseguidos de Pablo Escobar (perseguitati da Pablo Escobar), ma nonostante il nome furono più efferati del mostro che combattevano. A questi si unì il gruppo paramilitare di estrema destra Autodefensas Unidas de Colombia, ostile a Pablo per il sostegno (più che altro strategico) che questo aveva in più occasioni fornito agli odiati guerriglieri comunisti e alle Farc (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia).

Vignetta satirica del 1914, l'Italia osserva, agli albori della Grande Guerra, il tiro alla fune fra Stati Nazionali (a sinistra) e imperi centrali (a destra)

Vignetta satirica del 1914, l’Italia osserva, agli albori della Grande Guerra, il tiro alla fune fra Stati Nazionali (a sinistra) e imperi centrali (a destra)

Non è difficile credere che gli Stati Uniti sotto Reagan possano aver aiutato gli anticomunisti per cogliere due piccioni con una fava: eliminare rivali politici (anche se non interni) e arrivare all’arresto di Pablo. Stesso discorso per la convergenza dei Los Pepes e il Governo colombiano, attraverso le forze speciali Bloque de Busqueda (Blocco di Ricerca). È una dottrina secolare, la politica dell’equilibrio. Quando qualcuno diventa troppo forte da poter da solo sopraffare gli altri, gli altri mettono da parte le loro divergenze per riportare il bilanciamento. Altrimenti non si potrebbe spiegare perché delle autorità si alleino più o meno segretamente con gruppi simili (solo appena più discreti) a quel Pablo che stavano combattendo.

Questa strategia viene praticata dal Medioevo, da quando nel XII-XIII secolo le potenze italiane (Milano, Venezia, Firenze, papato e Regno di Napoli) studiavano coalizioni fluide per evitare egemonie. L’Italia influenzò l’Europa, unita di volta in volta contro il Napoleone o Hitler di turno.

La Storia è il più grande spoiler, sia nello svelare fatti che dinamiche.

Annunci

Discussione

2 pensieri su “Narcos, o della politica dell’equilibrio

  1. A proposito di serie Netflix, a me fa impazzire questa: https://wwayne.wordpress.com/2014/04/27/nuove-frontiere/. L’hai mai vista?

    Mi piace

    Pubblicato da wwayne | settembre 17, 2016, 10:16 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Il nemico comune | inStereoType - marzo 20, 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter!

LIVING AN ARTISTIC STAY IN ROMA…

eSPoSiZioNi, un soggiorno artistico

Roma, Lazio, Italia

L'appartamento si trova in un palazzo del XIX secolo restaurato, lungo una delle vie più eleganti e moderne della città, con il quartiere più antico, Rione Monti, giusto al lato. La possibilità di ...

https://www.airbnb.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: