//
stai leggendo...
Ethnos, Politics

Il politicamente corretto e altri modi di mascherare la realtà

politically-correctLe parole, in sé, sono neutrali e innocenti. È il contesto che le rende offensive. George Carlin è stato, fino alla sua morte nel 2008, uno dei più grandi comici americani, nonché fervente sostenitore di questa teoria. Già nel 1972 se ne uscì con la lista delle 7 parole che non si possono dire, ma con il prendere piede del linguaggio politicamente corretto, ha affinato il tiro, analizzando i meccanismi sociali che, a suo dire, hanno portato a “un linguaggio morbido che nasconde la realtà”.

George Carlin

George Carlin

Alcuni esempi sono più famosi, negli Stati Uniti e/o in Italia. Come la polemica fra Spike Lee e Quentin Tarantino sul termine “nigger”. In Pulp Fiction è lo stesso Tarantino a dire “dead nigger storage”, “deposito negri morti”. A Spike Lee non stava bene e lo ha esplicitato una volta di più nel film Bamboozled. In spicci, Spike Lee non crede che un bianco possa dirlo, per quanto le intenzioni siano buone.

Sono spariti ciechi, sordi, handicappati, “come se ci fosse vergogna. È nella Bibbia”, continua l’ex cattolico Carlin (finché non raggiunse l’età della ragione, ama ripetere), “Gesù guarì gli storpi, non persone cui ci vogliono sette parole per descriverne la condizione. Il sistema fa credere che in qualche modo se cambi il nome cambi la situazione”.

dead nigger storageIn certi casi il ragionamento sembra starci ancora meglio. “La Cia non uccide, neutralizza. Non tortura, “ha potenziato le tecniche di interrogatorio“. Il Pentagono misura le radiazioni nucleari definendole sunshine units, unità di luce solare”. Sembra una cosa bella. Le armate israeliane sono “commando”, i commando arabi sono “terroristi”. E i talebani erano freedom fighters, combattenti per la libertà, quando stavano contro i sovietici in Afghanistan. Improvvisamente sono diventati terroristi, una volta rivoltatisi contro gli americani. Impercettibili sfumature, avrebbero detto i 99 Posse.

Da noi gli immigrati non possono più essere chiamati così. Giusto che la Carta di Roma cerchi di proporre ai giornalisti una terminologia antirazzista e tecnicamente corretta, ma anche a costo di calpestare la grammatica? Ora è consigliato dire migranti, che in italiano indica l’azione di migrare, ma in tempo presente, quando è in svolgimento. Per cui chi sta migrando è un migrante, ma giunto a destinazione non è per caso un immigrato (azione finita, tempo passato)? Anche “clandestino” è bandito, ma viene dal latino “arrivare di nascosto”. Poi, come venga usato dai Salvini e compagnia brutta è un altro discorso, ma clandestino, di suo, esprime un fatto. Sono i regolamenti internazionali che fanno i clandestini fuorilegge, mentre il passaggio da immigrati a migranti, in cosa li avrebbe aiutati? Anzi, ora il Forte Europa vuole sospendere la libera circolazione del trattato di Schengen. Ti diamo un nome meno spaventoso, ma ti respingiamo uguale.can-you-spot-the-difference-300x232

Dov’è finito il semplice, onesto, linguaggio diretto?”, si chiedeva Carlin. Circa un secolo fa i problemi neurologici dei reduci della Prima Guerra Mondiale, venivano chiamati “shell-shock”, letteralmente trauma da scoppio. Quasi onomatopeico. Già dopo la Seconda Guerra Mondiale la stessa sindrome era diventata “battle fatigue”, fatica da battaglia, apparentemente meno grave: è solo fatica, non un trauma. Corea, 1950, passano 5 anni e cambia ancora terminologia. Ora si tratta di operational exhaustion, sfinimento operativo. Sempre più lungo, sempre più sterile e innocuo. Dopo il Vietnam, infine, arriva il post-traumatic stress disorder, “il dolore è nascosto dal linguaggio tecnico”, commentava Carlin, “se si fosse chiamato ancora shell-shock forse i veterani avrebbero avuto l’attenzione che meritavano”, alludendo al fatto che molti siano diventati barboni – sarebbe ipocrita usare senzatetto ora – o eroinomani, senza aiuto dallo stesso Stato che gli aveva fatto rischiare la vita per una finta causa.

Pc Principal di South Park e il suo dito accusatore

Pc Principal di South Park e il suo dito accusatore

Nel 1997 Corrado Guzzanti parodiava il politicamente corretto, quando imitava il giornalista e scrittore Gabriele La Porta. Le (finte) lettere che gli arrivavano erano del tipo “ho un leggero impedimento nel camminare” e lui ribadiva “sei zoppo. Non è un insulto. È una parola bellissima, viene dal greco ‘zoppeus’ e vuol dire saggezza”. Più di recente South Park, nella sua ultima stagione andata in onda, ha inserito il personaggio PC Principal, dove PC sta per Politically Correct. Il nuovo preside della scuola di Stan, Eric, Kenny e Kyle è più intollerante degli intolleranti nel vietare qualsiasi tipo di linguaggio che possa suonare anche vagamente razzista, sessista, omofobo, contro disabili o chiunque altro. Uno di quei messaggi di South Park alla maniera di South Park.

Certe volte basterebbe prendersi meno sul serio.

Annunci

Discussione

8 pensieri su “Il politicamente corretto e altri modi di mascherare la realtà

  1. In questo articolo è stato scritto ciò che avrei voluto dire ma non altrettanto bene. Bravo

    Mi piace

    Pubblicato da Rex Anthos | marzo 30, 2016, 12:17 pm
  2. Thiss design iѕ incredible! You definitelʏ know Һow to кeep a reader amused.
    ᗷetween your witt ɑnd your videos, Ӏ was almost moved to start mʏ
    oѡn blog (wеll, almoѕt…HaHa!) Excellent job. I really loved what yoou haɗ to say, aand more tɦan thаt, how yⲟu preѕented it.
    Tooo cool!

    Mi piace

    Pubblicato da religious stories with morals | ottobre 31, 2016, 11:53 am

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Lo stereotipo (o del giudizio avventato sulla perfezione imperfetta) | In StereoType - maggio 27, 2016

  2. Pingback: South Park XX stagione, dai troll ai trump | In StereoType - ottobre 3, 2016

  3. Pingback: Le tematiche ambientali sono molto interessanti (quasi impellenti) | In StereoType - novembre 10, 2016

  4. Pingback: Le tematiche ambientali non sono noiose (anche perché si muore) | In StereoType - novembre 10, 2016

  5. Pingback: La sindrome del vaccaro | In StereoType - dicembre 5, 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter!

LIVING AN ARTISTIC STAY IN ROMA…

eSPoSiZioNi, un soggiorno artistico

Roma, Lazio, Italia

L'appartamento si trova in un palazzo del XIX secolo restaurato, lungo una delle vie più eleganti e moderne della città, con il quartiere più antico, Rione Monti, giusto al lato. La possibilità di ...

https://www.airbnb.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: